Il blog di Maria Lucia Ercole - tutor e coach Progetti LIM e Cl@ssi 2.0 Scuola DIGITALE (MIUR - ANSAS INDIRE)

Se desideri aggiungere nei preferiti /condividere il mio blog puoi utilizzare il menu a destra" ADD THIS".

Se invece vuoi seguire il mio blog, hai due possibilità:
1) ti iscrivi al servizio RSS cliccando sul pulsante Iscriviti a: Post (Atom) che trovi in fondo alla pagina. Se vuoi saperne di più sugli RSS, clicca qui.
2) lasci il tuo indirizzo di mail nella casella FOLLOW BY EMAIL. In questo modo ogni qualvolta scriverò nuovi post, automatica mente, una volta al giorno, il sistema invierà una mail con i nuovi contenuti aggiunti.

3 dicembre 2010

MediaLibraryOnline. Una biblioteca sul web per il prestito digitale

MediaLibraryOnLine è la prima rete italiana di biblioteche pubbliche per il prestito digitale. Attraverso il portale è possibile consultare gratuitamente la collezione digitale della propria biblioteca: musica, film, e-book, giornali, banche dati, corsi di formazione online (e-learning) e archivi di immagini. MediaLibraryOnLine permette alle biblioteche italiane di far sperimentare il prestito digitale agli utenti, mettendo a disposizione il servizio di prestito sia dalle postazioni della biblioteca che da casa, dall'ufficio, dalla scuola. Non sarà più necessario presentarsi fisicamente in biblioteca per prendere un libro, vedere un film o ascoltare musica.

Dal box "Editori/Distributori" è possibile inoltre accedere ai cataloghi degli editori di e-book commerciali che sono distribuiti sul portale. Per ogni editore è stato creato un piccolo portale personalizzato che può essere visitato navigando per categorie tematiche.
Usufruire del servizio è semplice, basta munirsi di tessera del servizio bibliotecario e accedere al database ogni giorno a qualsiasi ora dal proprio PC o dispositivo con connessione internet. Il progetto è stato realizzato a Bologna da Horizons Unlimited srl in collaborazione con il Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest di Milano e la Provincia di Reggio Emilia.
Ad aderire sono state 1.000 biblioteche di Lombardia, Umbria, Toscana ed Emilia Romagna. Ma il numero di istituti che collaborano è destinato ad ampliarsi secondo gli obiettivi del progetto, risalente ormai al 2005. Se infatti l'utenza di riferimento è ora fissata a 8.5 milioni di persone, questa sarà incrementata quando verranno aggiunte altre 500 biblioteche disposte a collaborare.
Tutto questo entro il 2011. Giulio Blasi, amministratore delegato di Horizon, reputa il progetto una conseguenza del bisogno di colmare il vuoto delle biblioteche italiane rispetto paesi come gli Stati Uniti, area in cui da anni gli utenti possono andare online e accedere alle più disparate risorse.
Horizons Unlimited ha seguito un preciso modello di riferimento, quello del grande network nazionale per tentare di spazzare via l'arretratezza italiana in materia di servizi culturali online.
L'obiettivo è quindi sdoganare la biblioteca nella sua accezione originaria e ispirare maggior confidenza negli utenti che, attratti da nuovi sistemi di lettura e approcci alla cultura in chiave hi-tech, possono avvicinarsi nuovamente alla cultura e al culto del libro, dell'e-book e dell'editoria più in generale.
Il numero preciso di contenuti accolto dal servizio ammonta precisamente a 49.500, di cui la metà open access e l'altra parte considerata come risorsa commerciale. Vi sono: 16.500 album musicali, 27.700 e-book, 2.500 e-book commerciali, 1.000 audiolibri, 1.345 quotidiani, 2.550 video, 150 collezioni iconografiche e anche 120 banche dati e 180 learning object.
Partecipano al progetto 50 editori e distributori tra cui: Alexander Street Press, Casalini Libri, Guaraldi Editore, Leone Verde, Morellini Archetipo, Emons Audiolibri, NewsPaperDirect e la banca dati del Sole24Ore. Tra gli obiettivi futuri merita di essere riportato quello di ottimizzare costantemente il portale e le modalità di accesso tramite smartphone e quindi iPhone, iPad ma anche dispositivi dotati di sistema Android.
Gli utenti che accedono al portale possono acquistare o godere dei contenuti gratuiti in due modi differenti: streaming e download. Quest'ultimo sarà disponibile dal prossimo anno e sarà a discrezione dei diversi editori decidere quanto e come rilasciare il contenuto. Sulla base dei futuri sviluppi e della domanda dell'utente verranno poi introdotti ulteriori servizi.
VIA | http://www.medialibrary.it/home/home.aspx